Napoli. Divise false dei Carabinieri e armi pronte all’uso: in due finiscono in manette

Nei borsoni si rinveniva un fucile a canne mozzate, una pistola CRANAQ ZATTAVA, calibro 7,65, una pistola BONIFACIO ECHEVERRIA, calibro 9, con relativi caricatori, entrambe di nazionalità serba, complete di munizionamento ed aventi matricole abrase, due uniformi originali costituite da giacche, pantaloni e berretti in dotazione all’Arma dei Carabinieri, due lampeggianti, una palina segnaletica, due paia di manette, due passamontagna, due paia di guanti in lattice.
Si sequestravano, altresì, circa venti kg di sigarette del monopolio della Stato, rapinate poco prima a Casoria, in danno di una donna, cui era stata sottratta anche l’autovettura, una Opel Meriva. In particolare alla sventurata era stato puntato il fucile al volto dai rapinatori, che avevano il volto camuffato da passamontagna.

—> LEGGI TUTTO